Mese: giugno 2016

La tela di Penelope


Fai e disfai, fai disfai, arrotola la tela e rimetti la tela…

Questo è un modo per risparmiare spazio e denaro, arrotolando le tele e riutilizzando chiodi e telai.

Oggi è stata una giornata sotto l’egida di Penelope.

Ho disfatto tre piccole tele e le ho rimontate, preparandovi sopra anche le basi per dei nuovi lavori.

Se ancora non ve ne siete ancora accorti ve lo dico io, i miei sono quadri sui quadri.

Le opere più recenti soprattutto, ma già dal 2014, sono dipinte sopra tele già dipite con tecniche astratte.

 Volendo potrebbero andare già bene così…

Talvolta sembra quasi un peccato disegnarci sopra, ma poi quando ho finito il lavoro sono contenta di averlo fatto perché queste ultime opere racchiudono un po’ tutto quello che è il mio percorso artistico.

Annunci

Una sorta di ritorno alle origini?


A volte si fanno le cose di impulso, a volte meditandoci… Stavolta credo che si tratti di un impulso meditato. Ho letto di artisti interessati al mondo dei tarocchi, ed in particolare ai I tarocchi di Marsiglia restaurati da Philippe Camoin e Alejandro Jodorowsky
Sono rimasta incuriosita da questa cosa e ho deciso di acquistare il libro di Alejandro Jodorowsky “La Via dei tarocchi” insieme al mazzo delle famose carte.

Mi è bastato dare uno sguardo alla copertina per sentirmi tornare alle origini, a quando ho scritto la mia tesi sull’alchimia nell’arte.

Facendo la mia tesi sull’alchimia ho trovato moltissime illustrazioni che ricordano tanto quelle raffigurate su questi tarocchi.

Credo che alla fine qualsiasi dottrina o religione o filosofia riportino a radici molto simili e comuni nei tempi passati.

Non so se mi appassionerò a quest’avventura, se realmente studiare i tarocchi aumenterà il mio estro creativo, sicuramente sono curiosa di saperne qualcosa di più, perché fino a pochissimo tempo fa pensavo ai tarocchi solo ed  esclusivamente  come ad una cialtroneria.

Conoscendomi potrei anche annoiarmi alla 10ª pagina e mollare tutto… Chi lo sa… Una cosa è certa, come mi sono sentita libera di provare questa nuova strada mi sentirò altrettanto libera di abbandonarla.

“Arte contemporanea al Forte”


118° Mostra“Arte contemporanea al Forte”

Museo Ugo Guidi 1 luglio ore 18.00 – FORTE DEI MARMI

1 -17 luglio 2016

Schermata 2016-06-24 alle 08.56.01

Parteciperò alla collettiva con due opere: “DollSamantha End of Game” e “DollSamalugi on Hold”.

L’esposizione al MUG sarà visitabile fino al 17 luglio 2016 con orario tutti i giorni dalle 18 alle 20, lunedì chiuso, o su appuntamento al tel. 348020538  o  museougoguidi@gmail.com.
Al Logos Hotel tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 23.

Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N – LON:10.154887 E

(altro…)

Buoni propositi 


Sto iniziando un percorso su me stessa.

No, non è corretto, è da parecchio che l’ho iniziato.

Seppur con qualche battuta d’arresto  il mio cammino di crescita personale sta andando avanti da un bel po’ ormai.

Ma da qualche giorno sto pensando ad un nuovo step che reputo fondamentale per un cambiamento reale e duraturo: basta lagne.

Lamentarsi è inutile.

Quindi se compariranno dei post di lamentele sterili, di piagnistei della serie il mondo ce l’ha con me o quanto sono sfigata, siete autorizzati ad infamarmi.

Infamatemi  con grazia però, siate compassionevoli, perché dal momento in cui si prende una decisione poi bisogna passare ai fatti e lì arriva lo zoccolo duro.

BE POSITIVE

P.S. Nel frattempo colgo l’occasione per postarvi gli ultimi lavori che ho finito oggi.

DollSamalugi Red Stripe 70×100 mixed media on canvas 2016

DollSamalugi Red Casting 70×100 mixed media on canvas 2016

Crowdfounding


Sostieni un artista vivente!

Ami la mia arte ma per qualsiasi motivo non puoi comprare una mia opera? Puoi essere comunque un mecenate e sostenermi in qualche modo.

Essere artisti a tempo pieno non è facile, i colori e le tele hanno costi elevati, i concorsi e le mostre prevedono costi impensabili per chi non frequenta il mondo dell’arte, talvolta sono necessari cinquanta euro solo per poter partecipare ad una selezione in un concorso, e non è detto che si arrivi ad esporre. Organizzare una mostra personale in una Galleria d’Arte di buon livello ha prezzi molto elevati.

Da tempo sono nati i siti di crowdfounding, una sorta di mecenatismo modernizzato. In pratica chi vuole può contribuire con donazioni a piacere in favore di una causa o spesso anche a sostegno dell’arte.

Pensando al crowdfounding è nata la mia idea di creare questa pagina, senza affidarmi a siti organizzati di raccolta fondi ma semplicemente offrendo la possibilità di sostenere la mia attività artistica a chi lo desidera, semplicemente e in amicizia.

Niente a che fare con l’elemosina.

E’ una richiesta di attenzione verso l’arte, un euro di donazione non mi cambia certo la vita ma mi fa vedere che ci siete, che mi apprezzate e che mi sostenete.

La mia è soprattutto una richiesta simbolica ma anche una provocazione.

In quanti mi lodano per la mia bravura? Moltissimi. Quanti di questi comprano una mia opera? Nessuno. Se ogni ad ogni “mi piace” ricevuto su Facebook fosse abbinata una donazione di 50 centesimi probabilmente ci potrei acquistare tele per un anno intero!

E allora che aspetti? SOSTIENI UN ARTISTA VIVENTE!